Arte Borghese

Villa borghese è uno dei più grandi polmoni verdi della splendente Roma. Il parcoè un delicato esempio di come possano incontrarsi e fondersi tra loro diversi stili di giardino; si passa infatti dall’italiano all’inglese con estrema fluidità. Il verde ingloba armoniosamente al suo interno edifici, piccole strutture, laghi e fontane. La tenuta, in possesso della famiglia Borghese, venne ampliata nella seconda metà del sedicesimo secolo da Scipione Borghese con lo specifico intento di edificarvi strutture di mole importante. I lavori di costruzione iniziati nel 1606 si conclusero solo nel 1633, nel tempo si avvicendarono due architetti: Flaminio Ponzio e Jan van Santen; Domenico Savini si occupò dei Giardini ed i Bernini contribuirono con la loro arte.Il grande giardino possiede ben nove ingressi, il più popolare probabilmente è quello da Piazza del popolo a Roma. Custodito nei verdi meandri, è possibile scorgere un’edificio dalla robusta struttura, è la Villa Borghese Pinciana oggi sede della Galleria d’arte Borghese. Essa, strutturalmente, fu partorita dalla mente di Scipione Borghese e proprio sugli schizzi del medesimo, l’architetto Ponzio poté svilupparne la …

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

code